Il futuro è nell’esempio

il futuro è nell'esempio

Mi capita spesso di avere nel mio studio i figli dei miei clienti e non posso fare a meno di notare forti similitudini sia per quanto riguarda la condizione strutturale che per i punti deboli a livello organico-viscerale. Negli ultimi anni la scienza ha inserito nelle sue pubblicazioni studi di genetica che ci dicono che tutto è scritto nel nostro DNA e che quindi già dalla nascita siamo soggetti a una o più malattie presenti nei nostri genitori. Fortunatamente però non ci sono solo gli studi che vengono promulgati con sensazionalismo, ce ne sono molti altri che per qualche motivo o interesse vengono tenuti nascosti, o meglio, sono reperibili solo per chi se li va a cercare.

la mente è più forte dei geniQualche anno fa ho avuto la fortuna di studiare su un testo del citologo (scienziato che studia la cellula) e professore universitario Bruce Lipton. La sua scoperta è grandiosa e ci permette di vedere il nostro DNA, non più come un qualcosa di cristallizzato e ben definito, ma come una matrice dalle mille possibilità.

Nei suoi studi spiega che le parti di DNA attive in una persona possono cambiare in base agli stimoli ambientali. Facciamo un esempio: un bambino nasce da due genitori entrambi sofferenti di colesterolo “ereditario”, nel suo DNA questa informazione sarà attiva. Supponiamo che queste due persone, presa coscienza del problema cambino radicalmente stile di vita, magari diventando vegetariani. A questo punto il bambino sarà sottoposto a stimoli diversi ed è altamente probabile che la zona del DNA che contiene l’informazione del colesterolo ereditario si disattivi perché non stimolata. Viceversa un bambino nato da genitori sani trapiantato in un ambiente con abitudini alimentari e sociali malsane potrà sviluppare il problema.

Tutta questa premessa per dare dei dati scientifici che ci accompagnino nello sviluppo del concetto che vorrei esporre.

Questa è una generazione di genitori molto attenti e informati, si cercano approcci naturali alla cura della salute e si inizia a fare davvero prevenzione stando attenti a tutti i dettagli. Ai nostri bambini controlliamo la vista, il peso, l’alimentazione, la postura, l’occlusione dentale e l’appoggio dei piedi. Tutte cose estremamente importanti ma in questa frenesia di perfezionismo, nel tentativo di fare tutto quello che c’è da fare per i nostri figli, dimentichiamo la cosa più importante. Il messaggio più forte, la cosa che più influenza il futuro comportamento dei nostri figli. Vi chiedete di cosa sto parlando?!

Mi riferisco al nostro esempio. Mentre facciamo qualcosa non ci chiediamo mai “Che messaggio sto passando a mio figlio?“, “Quale informazione gli arriva mentre mi vede agire in questo o quell’altro modo?” Vi siete mai chiesti da dove vengono le vostre paure, gli atteggiamenti che non riuscite a controllare? Vi hanno mai detto sei come tua madre/padre? Come mai senti il bisogno di riposare ma se ti riposi emerge una sorta di senso di colpa che ti spinge a continuare a fare? Ogni cosa che facciamo trasmette un informazione che viene registrata dai nostri figli, questo è inevitabile, tutti ci influenziamo reciprocamente. E’ importante quindi rendersi conto di questo fenomeno.

cattiva alimentazioneMentre compiamo un’azione la giusta domanda da farci è “Se di fronte alla stessa situazione in cui mi trovo mio figlio si comportasse come me sarei contento?” Se la risposta è sì va tutto bene ma se la risposta è no…forse dobbiamo cambiare qualcosa. Tornando quindi al discorso della salute, secondo voi sopportando i dolori o accettando le malattie senza fare niente per recuperare a pieno la mia condizione che messaggio do ai miei figli? Vedere un padre/madre col mal di schiena che si imbottisce di antidolorifici è un buon messaggio? Avere il colesterolo alto, prendere farmaci e mangiare sempre cibi grassi? Persino con il nostro modo di muoverci e con la nostra postura abbiamo degli effetti sui loro corpi perché involontariamente riprodurranno i nostri schemi di movimento e posizione.

Quello che trasmettiamo ai nostri figli resterà con loro tutta la vita e se vorranno liberarsene dovranno lavorarci molto. Diamo un buon esempio prendiamoci cura di noi stessi se vogliamo che da grandi anche loro facciano la stessa cosa. I figli sono uno specchio che riflette la nostra immagine, curiamo il nostro corpo affinché il riflesso sia piacevole.  Non c’è forma di educazione più forte dell’esempio che un genitore da ai propri figli.

Commenti

  • Debora
    24 Febbraio 2014 Reply

    interessante…lo posso esporre al nido? immagino di si
    Debora

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati con * sono obbligatori.